Toyota diventa una human movement company

Dare a tutti la possibilità di superare i propri limiti attraverso la mobilità. Toyota lancia Start Your Impossible e diventa partner dei Giochi Olimpici e Paralimpici.

Offrire la migliore mobilità possibile per tutti. Supportare lo sviluppo di una società in cui il termine mobilità sia inteso come libertà di movimento, dove i limiti possano essere superabili grazie alla forza di volontà e all’ingegno umano. Ieri, a Roma, alla presenza del presidente del Coni Giovanni Malagò, è stato presentato il progetto Start Your Impossible e il Toyota team, il gruppo di atleti italiani, appartenenti a varie discipline olimpiche e paralimpiche, che sarà ambassador team della nuova campagna globale che vede il costruttore giapponese al fianco dei Comitati Olimpici Nazionali e Paralimpici in vista dei Giochi di Tokyo 2020.

Toyota-team-olimpiadi
Presentato il Toyota Team, il gruppo di atleti italiani, appartenenti a varie discipline olimpiche e paralimpiche, che sarà Ambassador Team della nuova campagna. Tra gli atleti Bebe Vio, Ivan Zaytsev e Arianna Fontana.

Fra gli atleti la campionessa di scherma Bebe Vio

Il Toyota Team è formato da atleti italiani appartenenti alle varie discipline Olimpiche e Paralimpiche: Bebe Vio (scherma), Ivan Zaytsev, (volley), Arianna Fontana (short track skating, portabandiera italiana alle prossime Olimpiadi di Pyeongchang 2018), Paolo Lorenzi (tennis), Andrea Pusateri (paracycling), Filippo Tortu (sprinter), Anna Cappellini e Luca Lanotte (figure skating), Gabriele Detti (nuoto) e il Para Hockey Club Torino Tori Seduti per la specialità paralympic ice hockey.

Una società libera da discriminazioni

Il progetto segna l’inizio di un nuovo percorso del brand che vuole affermarsi, sempre di più come un operatore di mobilità a 360 gradi, attraverso l’uso integrato di vetture, tecnologia avanzata, innovazione e robotica. L’obiettivo? Offrire la migliore mobilità possibile per tutti. Immaginando una società totalmente sostenibile in cui ognuno sia in grado di superare i propri limiti, avvalendosi di sistemi di mobilità che non siano limitati alle automobili e che consentano di muoversi liberamente e senza ostacoli, sociali o fisici che siano.

Toyota
Dalla prima Prius nel 1997 all’ultima suv ibrida C-HR. Toyota è stata un pioniere della mobilità sostenibile e fra gli ultimi sviluppi anche l’idrogeno con il lancio nel 2014 della berlina Mirai.

Dall’ibrido all’idrogeno, vent’anni di sfide

“Abbiamo iniziato con sfide lontane: nel 1997 quando fu introdotto per la prima volta l’ibrido con Prius nessuno credeva che avremmo raggiunto i risultati di oggi –  ha sottolineato Andrea Carlucci, amministratore delegato Toyota Motor Italia. – Non ci siamo mai tirati indietro e, coraggiosamente, abbiamo continuato con l’idrogeno e nel 2014 creato Mirai. Oggi con Start Your Impossible affermiamo il nostro essere un vero e proprio mobility brand che diffonde un concetto di mobilità fatta di vetture, di tecnologia, di innovazione, di intelligenza artificiale e robotica da mettere al servizio di tutte le persone, anche con disabilità, per migliorarne la qualità di vita”.

Articoli correlati
Tesla Battery day 2020, Elon Musk come Steve Jobs?

Ormai i Tesla Battery day di Elon Musk sono veri “show” attesissimi dai fan della mobilità elettrica di tutto il mondo. A poche ore dall’evento, cresce l’attesa per l’annuncio della “million-mile battery”.