Venezuela, violenti scontri in piazza. Ma il golpe di Juan Guaidó è fallito

Il tentativo di colpo di stato in Venezuela non è riuscito. La maggior parte dell’esercito è rimasto fedele a Nicolas Maduro. Gravi scontri a Caracas.

È stato un 1 maggio caratterizzato da una tensione altissima nelle strade di Caracas. La capitale del Venezuela è stata infatti teatro di violenti scontri tra i manifestanti, scesi in piazza per sostenere il leader dell’opposizione Juan Guaidó – autoproclamatosi da mesi presidente – e le forze dell’ordine. Ciò all’indomani di un tentativo fallito di colpo di stato.

Scontri in numerosi quartieri di Caracas, morta una donna di 27 anni

Nella giornata di martedì, infatti, lo stesso Guaidó aveva annunciato l’avvio della “rivolta finale” contro il presidente Nicolas Maduro. Affermando di avere dalla propria parte l’esercito. Il governo aveva risposto parlando appunto di “golpe” e confermando che esso era appoggiato soltanto da un pugno di militari. “Ho parlato con i comandanti di tutte le zone del paese, che hanno confermato la loro lealtà totale al popolo, alla Costituzione e alla patria”, aveva annunciato il capo di stato venezuelano.

venezuela maduro scontri
Scontri in piazza a Caracas il 1 maggio 2019 © Edilzon Gamez/Getty Images

Ciò nonostante, alcune migliaia di oppositori hanno deciso di scendere in piazza. I primi scontri si sono verificati nei pressi della base aerea La Carlota, nella porzione orientale del territorio della capitale. I manifestanti hanno cercato di bloccare l’autostrada che costeggia il sito militare. Alcuni di loro, con il volto mascherato, hanno cominciato a lanciare pietre e bottiglie molotov nei confronti degli agenti della Guardia nazionale boliviana. Che ha risposto utilizzando gas lacrimogeni.

Il presidente del Venezuela Maduro: “Iniziativa organizzata da Washington”

Manifestanti e forze dell’ordine si sono affrontati per tutta la giornata in numerosi quartieri di Caracas. Una donna di 27 anni, Jurubith Rausseo, è morta in serata dopo aver ricevuto un colpo di arma da fuoco, secondo quanto riferito dall’Osservatorio venezuelano sui conflitti sociali. Numerosi anche i feriti, tra i quali quattro giornalisti.

Guaidó ha lanciato un appello affinché i lavoratori avviino scioperi ad intermittenza. “Non esiterò, quando la giustizia lo ordinerà, ha far arrestare i responsabili di questo colpo di stato criminale”, ha commentato Maduro di fronte a migliaia di propri sostenitori, riuniti davanti al palazzo presidenziale di Miraflores. Il capo di Stato non ha esitato inoltre ad accusare gli Stati Uniti di essere i veri cospiratori: “Nei prossimi giorni fornirò le prove del modo in cui hanno orchestrato questa iniziativa, affinché il popolo sappia che sono traditori e affinché la giustizia faccia il proprio corso”.

venezuela maduro scontri
Sostenitori del presidente Nicolas Maduro in piazza in Venezuela © Rafael Briseno/Getty Images

Gli Stati Uniti minacciano un intervento militare

Attorno alla vicenda del Venezuela, in effetti, si sta attuando uno scontro degno della guerra fredda tra Washington e la Russia. Il ministro degli esteri di Mosca, Sergei Lavrov, ha parlato senza mezzi termini di “ingerenze da parte degli Stati Uniti” che rappresentano “una violazione flagrante del diritto internazionale”. “Questa pressione distruttrice non ha nulla a che vedere con la democrazia”, ha aggiunto il ministro russo in un comunicato.

venezuela maduro scontri
Un manifestante a Caracas inneggia al predecessore di Nicolas Maduro, Hugo Chávez © Rafael Briceno/Getty Images

Al contrario, il suo omologo americano Mike Pompeo ha accusato la Russia di voler “destabilizzare” il Venezuela. Avvertendo che “un intervento militare non è escluso. Se necessario è ciò che faranno gli Stati Uniti”.

Articoli correlati