Congo, quindici caschi blu uccisi in un attacco. Nel paese situazione esplosiva

Quindici militari della missione di peacekeeping Monusco sono stati uccisi in Congo da un gruppo di ribelli ugandesi. Kabila resiste al potere.

Quindici caschi blu delle Nazioni Unite sono stati uccisi in un attacco effettuato nella provincia del Nord-Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo, non lontano dalle frontiere con Uganda e Ruanda. L’attentato è stato effettuato nella serata di giovedì e il bilancio è ancora provvisorio dal momento che sono stati registrati anche 53 feriti, di cui alcuni in gravi condizioni.

https://www.youtube.com/watch?v=GZ6F57rDYQ8 https://www.youtube.com/watch?time_continue=2&v=sRudUWG7e7A&has_verified=1

“Si tratta del peggior attacco mai effettuato contro dei soldati Onu nella storia recente dell’organizzazione”, ha spiegato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che si è detto “indignato” per quello che ha definito “un crimine di guerra”. Le vittime sono principalmente dei militari tanzaniani che facevano parte della missione di peacekeeping in Congo chiamata Monusco.

È il peggior attacco contro dei caschi blu dal 1993

L’ultima volta che le forze delle Nazioni Unite avevano subito un attacco di questa portata fu il 5 giugno del 1993, quando un attentato provocò la morte di 24 caschi blu pachistani a Mogadiscio, in Somalia. Nello scorso mese di maggio, inoltre, sei soldati sono stati uccisi nella Repubblica Centrafricana“I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno alle famiglie dei nostri colleghi. Abbiamo inviato sul posto dei rinforzi e predisposto l’evacuazione dei feriti”, ha fatto sapere Jean-Pierre Lacroix, responsabile delle operazioni militari di mantenimento della pace. Ad effettuare l’attacco sarebbe stato il gruppo di ribelli ugandesi musulmani Adf (Allied democratic forces).

Quest’ultimo rappresenta una delle organizzazioni armate più attive nelle due province orientali del Nord e del Sud-Kivu. “Dal mese di giugno a quello di novembre del 2017, almeno 526 civili sono stati uccisi nella regione, e 1.087 persone sono state rapite al fine di ottenere un riscatto. Sono stati inoltre registrati undici casi di stupri di massa”, ha spiegato l’organizzazione non governativa Human Rights Watch in un rapporto pubblicato nei giorni scorsi.

Il Congo immerso in una profonda crisi politica

Il documento indica inoltre che il conflitto nell’Est del Congo “è stato esacerbato dalla crisi politica generale del paese”. Nuove elezioni sono state infatti indette per il 23 dicembre 2018, ma l’opposizione chiede da tempo la destituzione del presidente Joseph Kabila entro la fine dell’anno. Il leader africano ha infatti terminato il suo secondo mandato alla fine del 2016, ma punta a rimanere in carica fino alla consultazione elettorale. L’associazione spiega che, anche in ragione del fatto che le manifestazioni sono sistematicamente vietate o represse, “alcuni gruppi armati si sono coalizzati con l’obiettivo di contestare il prolungamento del mandato di Kabila”. 

Una situazione, insomma, particolarmente delicata. Non a caso, nello scorso mese di ottobre, le Nazioni Unite hanno dichiarato un livello di guardia nella zona di livello 3: pari a quelli di Siria, Iraq e Yemen.

Nell’immagine di apertura, alcuni caschi blu delle Nazioni Unite in Congo vicino al luogo di un attentato. Immagine risalente al 2014 ©Monusco/Sylvain Liechti

Articoli correlati

Da giorni le fiamme stanno divorando le sequoie della California. Il 9 settembre un fulmine ha colpito uno degli alberi del Sequoia national park, un Da giorni le fiamme stanno divorando le sequoie della California. In due settimane di incendio sono già andati in fumo oltre 100 chilometri quadrati di foresta.