Cosa si può e cosa non si può mangiare nello spazio

Mangiare nello spazio non è sempre un piacere. I menù sono migliorati, ma esistono ancora dei cibi vietati. Quali sono?

Se per gli astronauti nutrirsi è prima di tutto una necessità, non significa che non possa essere anche un piacere. I primi menù spaziali erano insipidi, inodori e mancavano di consistenza, ma i tempi sono cambiati e una dieta sana, equilibrata e saporita è essenziale per rendere sopportabili e privi di effetti negativi sull’organismo i lunghi periodi che gli astronauti trascorrono sulla Stazione spaziale internazionale.

John Glenn entra nella capsula Friendship 7. ©  NASA/Getty Images
John Glenn entra nella capsula Friendship 7. © NASA/Getty Images

Era il 20 febbraio 1962 quando a bordo della navicella Friendship 7 l’astronauta americano John Glenn consumò il primo pasto spaziale: salsa di mele in tubetto, qualche zolletta di zucchero e un po’ d’acqua. Uno spuntino, più che un pranzo. Ma la ragione di tanta frugalità non stava nella brevità del volo orbitale, meno di 5 ore, quanto nel timore che, in assenza di gravità, il cibo potesse fermarsi in gola. Glenn per fortuna non soffocò, dimostrando che si poteva mangiare tranquillamente anche nello spazio.

Pur coprendosi di gloria con le loro imprese, per i pasti gli astronauti dovettero a lungo accontentarsi. Durante tutto il corso delle missioni Mercury, Gemini e le prime Apollo, la principale voce in menù era costituita da una purea di cibo in tubetto: qualcosa di non molto diverso dagli omogeneizzati per bambini. E se la salsa di mele e carote non soddisfaceva, si poteva sempre scegliere tra brodo di pollo, prosciutto, manzo o tonno. Ugualmente poco appetibile era il cibo in cubetti. Cereali, biscotti e cracker venivano pressati in cubetti di 2 centimetri di lato rivestiti di amido, da infilare interi in bocca.

Oggi sulla Stazione spaziale internazionale si mangia decisamente meglio. Certo non si può pretendere che sia come cenare al Ritz, ma nessuno si lamenta: la vista sulla Terra che si gode dalla sala orbitante compensa più che adeguatamente il pasto meno prelibato.

Cosa si può mangiare nello spazio: gli 8 cibi sì

Frutta e vegetali freschi sono una rarità nello spazio, così gli astronauti devono arrangiarsi con una varietà di cibi in scatola e disidratati. Ma anche loro hanno delle preferenze o beneficiano di qualche concessione per lo occasioni speciali.

Le M&M’s

Loren Shriver mentre mangia dei dolciumi.
Loren Shriver mentre mangia dei dolciumi.

Nel linguaggio neutro della Nasa sono “noccioline ricoperte di cioccolato”, ma tutti le conoscono col nome commerciale. Non è chiaro se agli astronauti piaccia di più mangiarle o divertirsi a farle volare lentamente verso la propria bocca, approfittando dell’assenza di gravità.

Lo yogurt

Durante le lunghe missioni in assenza di gravità la perdita di massa ossea può arrivare al 20 per cento. Così un cibo ricco di calcio come lo yogurt è particolarmente apprezzato. Gli astronauti possono scegliere tra i gusti mirtillo, lampone, pesca e fragola.

La piadina (la tortilla)

Le piadine possono essere consumate in orbita.
Le piadine possono essere consumate in orbita.
Si conserva a lungo e fa poche briciole. Per questo la tortilla (la versione americana della piadina) è il pane ufficiale del programma spaziale. La farcitura più richiesta? Burro d’arachidi e marmellata (d’altronde la maggior parte degli astronauti è statunitense…).

La salsa piccante

Una spruzzata di salsa piccante può fare meraviglie per risvegliare le papille gustative. Infatti in orbita il senso del gusto risulta ridotto a causa della redistribuzione dei fluidi corporei, che non più attratti verso il basso premono sulle mucose nasali affievolendo l’olfatto. Tante le soluzioni a disposizione: salsa barbecue, pasta all’aglio, salsa thai, tabasco…

I gamberetti

Story Musgrave durente una passeggiata spaziale. Probabilmente stava pensando al suo cibo preferito: i gamberetti. © NASA via Getty Image
Story Musgrave durante una passeggiata spaziale. Probabilmente stava pensando al suo cibo preferito: i gamberetti. © NASA via Getty Image

Questi crostacei, disidratati e ricoperti con una salsa speziata, sono il cibo confezionato più richiesto. Il veterano dello spazio Story Musgrave li mangiava a ogni pasto, colazione compresa.

Il cibo giapponese

L’aggiunta, qualche anno fa, del modulo spaziale giapponese, non ha solo arricchito la stazione di un nuovo laboratorio scientifico, ma anche la cambusa di nuovi cibi: dal negima (un arrosto di manzo e scalogno) all’okonomiyaki, dal tofu all’udon (pasta di frumento).

La zuppa di legumi

2015: Samantha Cristoforetti a bordo della Iss con una porzione di cibo confezionato da Argotec con ingredienti Slow Food. Sta svolgendo un ambizioso programma per la nutrizione e la salute nello spazio e sulla Terra, per la prima volta sulla Iss c'è una cambusa e Cristoforetti sta studiando il 'cooking on orbit', prepara i suoi menù, combinan i diversi alimenti preparati per la missione Futura dell'Agenzia Spaziale Italiana (Nasa)
2015: Samantha Cristoforetti a bordo della Iss con una porzione di cibo confezionato da Argotec con ingredienti Slow Food.

Insieme al caffè in capsule, l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti ha portato in orbita la zuppa realizzata con i legumi dei presidi Slow Food dalla Argotec, società torinese responsabile del cibo spaziale degli astronauti europei. Una zuppa pronta all’uso che coniuga il gusto con i principi nutritivi necessari a contrastare i cambiamenti fisiologici dovuti alla lunga permanenza nello spazio.

Un piatto a sorpresa

Nel giugno del 2008 la videocamera dell’ingegnere di volo Garrett Reisman inquadrò i compagni della stazione spaziale che stavano per mettersi a tavola col nuovo equipaggio appena giunto da Terra: tra i piatti offerti, campeggiava un barattolo con la scritta: “Stuzzichini appetitosi”. Anche il mistero aggiunge sapore alla vita!

Cosa NON si può mangiare nello spazio: gli 8 cibi no

Ora che abbiamo visto quali sono i cibi ideali da consumare in orbita, quali sono quelli che invece dovrebbero restare in fondo alla dispensa spaziale o essere proprio lasciati a casa?

I cracker

Gusto e consistenza si conservano anche in condizioni di microgravità, ma le briciole dei cracker possono essere disastrose. Malgrado i filtri per il riciclo dell’aria, le briciole rimangono lo stesso in sospensione e finiscono per andare negli occhi o essere respirate.

Le bibite gassate

Lattine di Coca-Cola volarono nello spazio nel 1985, ma gli astronauti dovettero ben presto fare i conti con i rutti “umidi”. Senza la gravità a tenere giù cibo e bevande, basta una piccola quantità di gas nello stomaco per trasformarlo in una potenziale… pistola ad acqua!

Il gelato disidratato

Venduto nei negozi di souvenir di tutti i musei spaziali americani come “gelato spaziale” o “gelato dell’astronauta”, questa delizia che si scioglie in bocca può sembrare un piacere irrinunciabile in orbita. Ma non fatevi ingannare! Quella del 1968, a bordo dell’Apollo 7, è stata la prima e ultima volta che il gelato disidratato ha lasciato la Terra. Perché? Anche se i bambini lo adorano, non ha niente a che vedere con il vero gelato. Assomiglia a una matassa di zucchero filato, ma molto dura ed estremamente friabile.

La pizza

È impossibile riprodurne nello spazio la croccantezza: rimarrebbe sempre molle e gommosa. Per questo la Nasa non ha mai spedito in orbita la pizza. Solo i russi della vecchia stazione spaziale Mir ci hanno provato. E da allora più nessuno l’ha richiesta…

Le patatine fritte

Pochi astronauti resistono alla tentazione di infilare qualche pacchetto di patatine nel loro bagaglio personale. Ma se ne pentono sempre: come per il gelato spaziale e i cracker, le patatine sono troppo friabili per essere mangiate senza inquinare l’aria a bordo.

Il pesce

Prima degli ultimi ritrovati in fatto di conservazione, cucinare il pesce nello spazio era qualcosa di assai puzzolente. Durante una delle prime spedizioni alla stazione spaziale, nel 2002, per rispondere agli astronauti che si lamentavano del cattivo odore emanato dal pesce, fu realizzata una nuova formulazione. Ma saltò fuori che la salsa di pomodoro usata per mascherare l’odore di pesce, in realtà lo amplificava!

Il sandwich di manzo sotto sale

La missione Gemini III del 23 marzo 1965 sarà ricordata per sempre come la prima che contrabbandò del cibo al di fuori dell’atmosfera terrestre. Il pilota John Young pensò bene di nascondere, ben avvolto nella sua tuta, un sandwich con del manzo sotto sale, ben più saporito dei soliti cibi in tubetto o in gelatina. Quando alla Nasa se ne accorsero, scoppiò il finimondo. Young se la cavò con una semplice reprimenda. Ma venne emanato un nuovo regolamento perché episodi simili non potessero mai più ripetersi.

I cavoletti di Bruxelles

I bambini che aspirano a volare nello spazio possono ben sperare: se c’è un cibo che difficilmente andrà in orbita, è un piatto di cavoletti di Bruxelles! Anche tra gli astronauti, infatti, sono in assoluto i vegetali meno richiesti.

Come mangiano gli astronauti: le foto

Articoli correlati