Cos’è il Gender policy council: l’impegno di Joe Biden per la parità di genere

Il nuovo consiglio statunitense per la parità di genere, guidato da due donne, si occuperà di promuovere le politiche femminili a 360 gradi.

Gli Stati Uniti fanno un ulteriore passo verso la parità di genere. La nuova amministrazione guidata da Joe Biden e Kamala Harris avvierà infatti un nuovo organismo, il Gender policy council (Consiglio per le norme su questioni di genere), volto a promuovere iniziative che migliorino la situazione femminile e combattano le discriminazioni in ogni ambito, da quello lavorativo alla vita domestica, passando per la sanità, l’educazione e la sicurezza.

Alla guida del consiglio ci saranno due donne: Julissa Reynoso, già ambasciatrice in Uruguay nel secondo mandato di Obama e attuale capo dello staff per la first lady Jill Biden, e Jennifer Klein, consigliera di Hillary Clinton durante la presidenza del marito. Oltre a loro, il consiglio potrà contare su uno staff full-time di quattro persone.

I loro uffici avranno sede alla Casa Bianca, una posizione prestigiosa e strategica che simbolizza l’importanza attribuita alle tematiche femminili dal presidente Biden. Il nuovo organismo, inoltre, collaborerà con tutte le principali agenzie governative per formulare nuove norme e cambiare quelle che favoriscono comportamenti discriminatori.

Gender policy council
Julissa Reynoso sarà una delle due donne a capo del Gender policy council © Theo Wargo/Getty Images for Variety

I tentativi del passato per promuovere la parità

In passato, diversi presidenti avevano cercato di istituire un organo amministrativo per promuovere l’uguaglianza di genere. Nel 1995, Bill Clinton aveva inaugurato l’Interagency council on women, guidato dall’allora ambasciatrice alle Nazioni Unite Madeleine Albright (poi segretario di stato) e ad honorem dalla first lady Hillary.

Il repubblicano George W. Bush aveva poi smantellato l’agenzia, ma il progetto era stato salvato da Obama che nel 2009 aveva inaugurato il Council on women and girls. Secondo il quotidiano New York Times, il consiglio era strutturato come una società di consulenza che aiutava ogni agenzia governativa a mettere in pratica nuove norme per favorire l’uguaglianza di genere. Proprio per questo, però, non aveva l’autorità necessaria per proporre nuove norme in modo autonomo.

L’arrivo di Trump ha segnato la fine del Council on women and girls, e i pochi progetti dedicati alle donne sono a lungo rimasti senza fondi o rappresentanti. Ora, Biden vuole ribaltare la situazione.

una storia americana
Jill Biden, la nuova first lady, continuerà a svolgere la professione di insegnante © Saul Loeb – Pool/Getty Images

Uguaglianza di genere: i problemi da risolvere

Fin dall’inizio della campagna elettorale, Joe Biden ha messo in chiaro le sue priorità in termini di uguaglianza di genere. Uno tra i primi fattori da affrontare riguarda la difficoltà delle donne a imporsi sul mercato del lavoro, accentuata dalla pandemia di nuovo coronavirus. Durante l’emergenza sanitaria, infatti, le donne sono state particolarmente svantaggiate: costrette a trovare un nuovo equilibrio tra vita lavorativa e impegni familiari, molte hanno dovuto rinunciare al loro impiego per curare i figli rimasti a casa da scuola o i familiari con condizioni di salute precarie.

Da febbraio 2020, più di 5,4 milioni di donne – soprattutto afroamericane o latine – sono rimaste disoccupate: il 55 per cento di tutti coloro che hanno perso il lavoro nel corso della pandemia. A dicembre, quasi il 40 per cento delle donne disoccupate non lavorava da più di sei mesi, e molte tra quelle occupate erano obbligate a fare turni part-time, ricevendo quindi uno stipendio forzatamente ridotto. A fronte di questa situazione, la necessità di creare infrastrutture che permettano di conciliare lavoro e famiglia è diventata ancora più impellente.

Altro fenomeno tristemente evidenziato dalla pandemia è la violenza domestica. Secondo un rapporto della National domestic violence hotline, le richieste di aiuto per violenze negli Stati Uniti tra marzo e maggio 2020 sono aumentate del 9 per cento rispetto all’anno precedente. In alcune aree la situazione è ancora più preoccupante: a Portland, nello stato dell’Oregon, gli arresti per violenza domestica sono aumentati del 22 per cento nel corso delle prime settimane di lockdown.

Gender policy council
Da febbraio 2020, più di 5,4 milioni di donne – soprattutto afroamericane o latine – sono rimaste disoccupate © Scott Heins/Getty Images

In cima alla lista di Biden per quanto riguarda le tematiche di genere spiccano poi l’impegno per migliorare i programmi di salute riproduttiva, garantendo a tutti l’accesso ai contraccettivi o a procedure di aborto sicure, e l’attenzione per la comunità Lgbtq+ e le donne con disabilità.

Per raggiungere risultati soddisfacenti e duraturi, però, sarà fondamentale che il Gender policy council riesca a collaborare in modo soddisfacente con le altre agenzie governative e riceva supporto anche da parte delle associazioni di attivisti esterne alla Casa Bianca.

Tutto è pronto per iniziare a lavorare: manca solo la firma del presidente.

Articoli correlati
Nell’Iran di Raisi i giovani sono più esclusi che mai

Mentre la vittoria di un presidente conservatore in Iran era prevista, la società non crede più che il proprio voto possa fare la differenza. Ne abbiamo parlato con la giornalista Cecilia Sala e alcuni studenti iraniani.