Il glifosato altera il microbioma intestinale anche a basse dosi

Lo dimostra uno studio effettuato dall’Istituto Ramazzini di Bologna. L’erbicida minaccia la diversità della flora batterica intestinale con possibili conseguenze sulla salute.

  • Uno studio dell’Istituto Ramazzini di Bologna ha esaminato gli effetti del glifosato sul microbioma intestinale.
  • Il glifosato è stato testato a diverse dosi, a partire da quella ammessa in Europa per l’erbicida.
  • I risultati hanno mostrato un’alterazione del microbioma intestinale con una riduzione della diversità batterica e della comunità dei funghi che abitano l’intestino.
  • Questo effetto può avere conseguenze sullo stato di salute, interessando malattie come diabete e sclerosi multipla.
  • In una lettera aperta al commissario europeo per la Salute, 41 organizzazioni hanno chiesto che lo studio venga preso in considerazione nella valutazione in corso del glifosato che deciderà sul rinnovo dell’utilizzo dell’erbicida nella Ue.

Il glifosato può alterare il microbiota dell’intestino anche a basse dosi: lo conferma una nuova ricerca dell’Istituto Ramazzini di Bologna effettuata all’interno del Global Glyphosate Study, uno studio multicentrico internazionale condotto dallo stesso istituto insieme a partner globali e lanciato con l’obiettivo di fornire una valutazione più completa degli effetti tossici, cancerogeni e riproduttivi dei diserbanti a base di glifosato.

glifosato
Il glifosato è tra gli erbicidi più utilizzati e controversi © Sean Gallup/Getty Images

I pesticidi a base di glifosato riducono la diversità batterica dell’intestino con conseguenze sulla salute

L’esperimento ha testato il glifosato e due formulati commerciali, quello europeo Roundup BioFlow e quello americano RangerPro, su alcune cavie utilizzando diverse dosi a partire da quelle attualmente ammessa in Europa. I risultati hanno mostrato che i pesticidi a base di questa sostanza hanno alterato significativamente il microbioma intestinale, in particolare riducendo la diversità batterica, una condizione associata a diverse conseguenze negative per la salute quali diabete e alterazioni metaboliche. 

Lo studio ha evidenziato per la prima volta, alcuni effetti significativi dei pesticidi a base di glifosato sulla comunità dei funghi che abitano nel microbioma intestinale, un aspetto che merita una considerazione importante perché la presenza di categorie diverse di funghi nell’intestino umano è collegata ad una serie di malattie, quali ad esempio la sclerosi multipla.

glifosato, proteste
Una protesta contro il glifosato in Germania © Sean Gallup/Getty Images

L’appello all’Europa per considerare lo studio nella valutazione per il rinnovo dell’erbicida

In una lettera aperta al commissario europeo per la Salute Stella Kyriakides, 41 organizzazioni hanno chiesto che lo studio dell’Istituto Ramazzini venga preso in considerazione per la valutazione in corso sul glifosato su cui si baserà il rinnovo o meno dell’autorizzazione europea del pesticida, in scadenza il 15 dicembre 2022.

“Il Global Glyphosate Study, condotto in modo indipendente, potrebbe essere la chiave per risolvere qualsiasi dubbio residuo che le autorità di regolamentazione hanno sulla tossicità delle esposizioni nella vita reale al glifosato e ai prodotti a base di glifosato, in relazione al loro potenziale cancerogeno e ad altri impatti sulla salute”, ha spiegato Angeliki Lyssimachou, Senior science policy officer presso Heal. “La Commissione dovrebbe garantire che tutti i risultati disponibili siano debitamente riportati e presi in considerazione nella valutazione dell’Ue in risposta ai crescenti timori del pubblico sulla tossicità della sostanza”.

Le organizzazioni hanno espresso preoccupazioni specifiche sulla credibilità degli studi che sono stati forniti dell’industria e chiedono che la procedura di valutazione sia condotta in modo trasparente e si basi su prove scientifiche indipendenti aggiornate tenendo conto della tossicità del principio attivo del glifosato e dei prodotti che lo contengono.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati