Leonardo DiCaprio lancia un fondo per la tutela del parco nazionale di Virunga in Africa

L’attore e ambientalista Leonardo DiCaprio ha deciso di contribuire con due milioni di dollari alla salvaguardia del parco nazionale di Virunga, in Congo, minacciato dai terroristi, dal coronavirus e dal bracconaggio.

Ascolta “Coronavirus, viaggio per capire la ripartenza italiana” su Spreaker.
“Il parco nazionale di Virunga è una delle aree più ricche di biodiversità sul Pianeta, che ospita il gorilla di montagna, una specie in pericolo di estinzione”. Così ha esordito l’attore statunitense Leonardo DiCaprio in un post sul suo profilo Instagram, annunciando la creazione di un fondo da due milioni di dollari – circa 1,8 milioni di euro – da destinare alla tutela del parco più antico del continente africano, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco. Il fondo è stato istituito dalla sua organizzazione ambientalista – la Earth Alliance – insieme all’Emerson collective, alla Global wildlife conservation e all’Unione europea. Chiunque può contribuire con una donazione.

Leggi anche:


Visualizza questo post su Instagram

Virunga National Park is one of the most biologically diverse areas on the planet and home to the critically endangered mountain gorilla. Three weeks ago, twelve park rangers and their driver tragically lost their lives protecting civilians from an armed attack by a militia group. The future of Virunga hangs in the balance as it deals with the impacts of Ebola and COVID-19, and now this recent attack. Today, with the help of @EarthAlliance, @EmersonCollective and @Global_Wildlife_Conservation, along with support from @europeaid and @VirungaNationalPark, we announced the Virunga Fund, with $2 million in seed funding. If you can, please join me in supporting the fund today. Please see the link in my bio.

Un post condiviso da Leonardo DiCaprio (@leonardodicaprio) in data:

Quali sono le minacce per il parco nazionale di Virunga

DiCaprio ha ricordato che il 24 aprile si è verificato un sanguinoso attentato all’interno dell’area protetta, situata nella Repubblica Democratica del Congo. Dodici ranger hanno perso la vita per proteggere quella di alcuni civili che si trovavano a bordo di un convoglio attaccato da una sessantina di uomini armati, che apparterrebbero ad una milizia ribelle ruandese. Anche l’autista del mezzo è deceduto.

La presenza di gruppi terroristici, la deforestazione, l’estrazione illegale di petrolio e carbone, il bracconaggio e il contrabbando sono minacce che incombono quotidianamente sul parco nazionale di Virunga, che attualmente si vede costretto a fronteggiare anche l’impatto dell’epidemia di Ebola e della pandemia di Covid-19. Per proteggere i guardaparco, i turisti e gli stessi gorilla – che si teme possano contrarre il coronavirus poiché condividono con l’uomo il 98 per cento del dna –, la riserva resterà chiusa fino al primo giugno.

Leggi anche: Chi sono i 7 eroi della conservazione premiati con i Whitley awards 2020

Gruppo familiare di gorilla di montagna nel parco di Virunga. Leonardo DiCaprio
Dopo aver sfiorato l’estinzione, la popolazione di gorilla di montagna è in lieve aumento. La chiusura del parco a causa della Covid-19 potrebbe però aggravare il bracconaggio e minare le risorse finanziarie dell’area protetta © Brent Stirton/Getty Images for WWF-Canon

Le parole di Leonardo DiCaprio

“Ho avuto l’onore di conoscere e sostenere il team del Virunga durante la sua lotta contro l’estrazione illegale di petrolio nel 2013”, ha dichiarato la star di Hollywood all’emittente britannica Bbc. “Il parco ha urgente bisogno di fondi per proteggere la popolazione di gorilla di montagna, per garantire supporto ai ranger e alle famiglie di quelli che hanno perso la vita svolgendo il proprio dovere, e per assicurare ogni forma di prevenzione delle malattie. È fondamentale che ci uniamo in questo momento di crisi senza precedenti”.

DiCaprio, vincitore del premio Oscar nel 2016 con il film Revenant – redivivo e produttore esecutivo del documentario Virunga, ha raccolto insieme all’azienda Apple anche 12 milioni di dollari (circa 11 milioni di euro) da destinare alle persone colpite dalla crisi causata dal coronavirus, infine ha contribuito al lancio dell’America’s food fund, un fondo istituito per arginare l’emergenza alimentare che sta seguendo quella sanitaria.

Articoli correlati