Volvo, dal 2030 venderemo solo auto elettriche (e solo online)

Volvo produrrà solo auto elettriche a partire dal 2030. Addio anche alle versioni ibride. Intanto, in Italia al via le stazioni di ricarica fast charge.

Dopo Ford, Jaguar e Bentley, è Volvo a imboccare la svolta esclusivamente elettrica. Il marchio svedese ha infatti annunciato che dal 2030 venderà solo vetture completamente elettriche ed eliminerà gradualmente dal suo portafoglio globale qualsiasi auto che abbia un motore a combustione interna, compresi i modelli ibridi, un piano ambizioso svelato nel corso di una conferenza stampa online in cui sono state elencate anche diverse altre novità.

La principale resta quella di una gamma full electric entro il 2030, con un obiettivo intermedio fissato al 2025 che prevede che il 50 per cento delle vendite globali consista in auto completamente elettriche, con il resto costituito da veicoli ibridi: “L’Europa sarà il fulcro dei nostri ambiziosi obiettivi di elettrificazione”, ha spiegato Björn Annwall, leader mercati Emea di Volvo cars. “Guardando alle nostre vendite in Europa dello scorso anno, un’auto su tre era dotata di cavo di ricarica, un risultato che ci colloca al primo posto fra i brand di lusso con un’offerta elettrificata in questa area geografica. E la quota sta aumentando: questo mese ha superato il 40 per cento. Sono dati molto promettenti, perché sappiamo che chi acquista una vettura plug-in oggi, molto probabilmente guiderà un’elettrica al 100 per cento fra qualche anno”.

Volvo vendita online
Volvo punta alla vendita solo online di auto elettriche © Volvo car group

All’obiettivo del 2030 si aggiungono la decisione di vendere le auto elettriche esclusivamente online, la presentazione della nuova C40 Recharge e il progetto Volvo recharge highways, finalizzato all’installazione di stazioni fast charge da 175 kW sul territorio nazionale.

Volvo, le auto elettriche si venderanno solo online

La rivoluzione elettrica del marchio svedese passa anche dal rapporto con i clienti e da una modalità di vendita diventata preponderante in pandemia: quella online.

La gamma completamente elettrica su cui la casa potrà contare entro il 2030 sarà dunque disponibile solo attraverso il canale online, concentrandosi sui veicoli elettrici di fascia alta, per cui Volvo punta a diventare leader investendo non solo nello sviluppo delle auto, ma anche di programmi tagliati su misura per i clienti. Chi acquisterà una Volvo online avrà un pacchetto di servizi che comprende l’assistenza, la garanzia, il soccorso stradale, l’assicurazione se disponibile e le soluzioni di ricarica domestica.

Semplificata anche la registrazione sullo store online volvocars.com, dove il cliente potrà trovare sia modelli elettrici preconfigurati e pronti per essere ordinati sia chiedere una consulenza, il tutto con prezzi trasparenti e predefiniti in modo da “eliminare la necessità di negoziare, aumentando al contempo il livello di trasparenza e rafforzando il rapporto di fiducia”, come spiegano da Volvo.

Volvo C40 Recharge
La nuova Volvo C40 Recharge, completamente elettrica © Volvo car group

“Il passaggio al canale online era già nell’aria da tempo, ma la pandemia ha accelerato il processo”, ha spiegato ancora Annwall. “È interessante notare che al momento quasi il 50 per cento dei nostri punti vendita fisici in Europa sono chiusi a causa del lockdown, ma stiamo vendendo lo stesso numero di auto degli anni scorsi. Abbiamo rapidamente migliorato la nostra capacità di vendere online e di interagire con i consumatori. In questo l’Italia ha davvero giocato in prima linea”.

In arrivo l’elettrica C40 Recharge

Dopo avere presentato la sua prima auto full electric, la XC40 Recharge, lo scorso anno, Volvo ha dato il benvenuto alla seconda auto elettrica della gamma, la C40 Recharge, che si basa sulla piattaforma condivisa Cma ed è il primo modello Volvo in assoluto a essere stato progettato come puramente elettrico.

“La C40 Recharge rappresenta il futuro di Volvo e indica chiaramente dove stiamo andando”, ha detto Henrik Green, chief technology officer Volvo. “È completamente elettrica, viene offerta solo online con un comodo pacchetto di assistenza e sarà disponibile per una consegna rapida. Comprare una nuova Volvo non è mai stato così allettante”.

Ispirazione suv, ma con un profilo più basso ed elegante, la C40 Recharge è caratterizzata dal rivisto disegno di luci nella parte posteriore, che si raccordano alla linea più bassa del tetto, mentre il design del frontale introduce un nuovo volto per le Volvo elettriche e include proiettori ad avanzata tecnologia pixel. Per gli interni, il team Volvo ha eliminato completamente la pelle e puntato sulla personalizzazione in termini di colori e finiture.

Sul fronte alimentazione, il sistema di propulsione conta su due motori elettrici, uno sull’asse anteriore e uno sul posteriore, alimentati da una batteria agli ioni di litio da 78 kW che può essere caricata all’80 per cento in circa quaranta minuti. Per il “pieno” saranno necessarie circa otto ore utilizzando una presa da 11 kW, e l’autonomia dichiarata di circa 420 km, che andrà a migliorare nel tempo grazie agli aggiornamenti over-the-air del software.

L’aggiornamento da remoto è previsto anche per il sistema infotainment Android automotive sviluppato in collaborazione con Google, che rende l’auto sempre connessa.

La nuova C40 Recharge verrà venduta dunque solo online e fornita ai clienti con un pacchetto di servizi che include l’assistenza, la garanzia, il soccorso stradale, l’assicurazione e le opzioni di ricarica domestica. La produzione inizierà nell’autunno 2021 nello stabilimento Volvo Cars di Ghent, in Belgio.

Android automotive Volvo
Il sistema Android automotive sviluppato con Google rende l’auto sempre connessa © Volvo car group

Al via le stazioni di ricarica fast charge in tutta Italia: si parte da Milano

La strategia pro-elettrico di Volvo non passa solo dal prodotto, ma anche dall’infrastruttura: la casa svedese ha annunciato anche il progetto Volvo Recharge highways, finalizzato all’installazione di stazioni fast charge da 175 kW sul territorio nazionale e alla prima colonnina a ricarica veloce nel centro di Milano. Il progetto è realizzato in collaborazione con i concessionari italiani di Volvo, e prevede l’installazione di oltre trenta stazioni di ricarica veloce in altrettante concessionarie e in prossimità di uscite della principali autostrade italiane. I punti di ricarica, pur marchiati Volvo, sono aperti a tutti i possessori di veicoli elettrificati o elettrici di tutti i brand.

L’obiettivo è coprire quindici assi autostradali strategici consentendo a chi ha un’auto elettrica di avere un presidio di ricarica facilmente accessibile su tutto il territorio nazionale. Le stazioni a elevata potenza che verranno installate sono prodotte da Delta e sono in grado di ricaricare due vetture simultaneamente all’80 per cento della capacità in poco più di trenta minuti. Il completamento della posa delle prime 25 stazioni è previsto entro la fine dell’estate 2021 e i proprietari di vetture Volvo potranno ottenere tutte le info relative all’infrastruttura di ricarica tramite l’apposita app.

A Milano la prima stazione “fast charging”

Milano gioca inoltre un ruolo importante nella strategia di Volvo a favore della mobilità elettrica, ed è nel cuore del capoluogo meneghino che verrà installata la prima stazione di fast charging marchiata Volvo. La stazione sorgerà nel quartiere di Porta nuova, a pochi passi da Volvo studio Milano, grazie alla collaborazione con Coima, una delle realtà di spicco sul fronte urbanistico della Milano moderna.

La stazione di ricarica sarà, anche visivamente, un esempio avanzato di arredo urbano sostenibile e costituisce il primo passo di un progetto più ampio che prevede l’installazione di oltre cinquanta punti di ricarica da 22 kW a marchio Volvo nei parcheggi e nei garage residenziali. L’obiettivo è, di fatto, quello di elettrificare l’intero distretto.

“Il progetto Volvo Recharge highways e l’installazione della prima stazione di fast charge nel cuore della Milano più avanzata sono iniziative senza precedenti”, ha detto Michele Crisci, presidente di Volvo car Italia. “Mai un costruttore di auto si era impegnato anche attraverso investimenti concreti nella realizzazione di una rete di stazioni per la ricarica veloce per tutti gli automobilisti. Non vogliamo certo sostituirci a chi è preposto a realizzare infrastrutture; vogliamo solo sensibilizzare i clienti sulla opportunità di passare alla mobilità elettrica dando il nostro contributo per renderla davvero possibile e agevole sul territorio nazionale. Ci piace pensare che grazie a Volvo Recharge highways un proprietario di un’auto elettrica di qualsiasi marca può tranquillamente viaggiare da Nord a Sud e da Est a Ovest della nostra penisola sapendo di poter contare su punti di ricarica ad alta efficienza e dislocati in maniera conveniente per ridurre al minimo i tempi di sosta. E il fatto che tale possibilità sia per tutti gli automobilisti e non solo per coloro che guidano Volvo dimostra una volta di più come il nostro approccio sia di condivisione e il nostro obiettivo sia migliorare la user experience di tutti, come già più volte accaduto sul fronte della sicurezza”.

Volvo XC40 Recharge
Volvo ha sviluppato delle stazioni di ricarica fast charging © Volvo car group

“Milano è pronta ad accogliere la prima stazione cittadina di fast charge di Volvo”, ha aggiunto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. “Lo consideriamo il primo passo di una consistente trasformazione infrastrutturale che porterà, nel giro di qualche anno, a dotare la città di un numero significativo di stazioni di ricarica. Siamo sulla buona strada. Le auto totalmente elettriche e i modelli ibridi piacciono sempre di più ai milanesi e sono diventate ormai il top di gamma di molte case automobilistiche che, come Volvo, hanno investito sulla mobilità sostenibile. A Milano ci crediamo e lavoriamo affinché gradualmente si possa realizzare il ricambio del parco auto privato verso motorizzazioni green. Così stiamo facendo con gli autobus del trasporto pubblico locale che, entro il 2030, saranno tutti elettrici. Siamo quindi felici di essere qui oggi a presentare questo progetto che permetterà a Milano di essere protagonista in Italia e nel mondo di una reale transizione ambientale”.

Articoli correlati