Disturbi digestivi

Spesso basta insaporire i cibi con le spezie benefiche o bere tisane a base, per assumere le sostanze medicamentose e alleviare i disturbi digestivi.

L’aromaterapia comincia a fare effetto fin dalle prime fasi della digestione, grazie ai segnali olfattivi che raggiungono il cervello. Il profumo del pane appena sformato o di qualunque altro cibo gustoso, per esempio, innesca una reazione a catena nell’intero apparato digerente… basta pensare a quanto poco saporito sembra ciò che si mangia quando il naso è chiuso per il raffreddore.

Diverse sono le erbe aromatiche che aiutano la digestione stimolando o rilassando la muscolatura intestinale. L’olio di menta piperita, che è il digestivo per eccellenza, rilassa i muscoli dell’addome in trenta minuti e previene la nausea, sempre che non se ne abusi. Cardamomo, lavanda, rosmarino e ginepro stimolano la digestione. Limone, melissa e finocchio alleviano il bruciore di stomaco. Cannella potenzia l’azione degli enzimi preposti alla scissione del cibo, rosmarino favorisce l’assimilazione delle sostanze nutrienti.

Inoltre, soprattutto per curare i problemi digestivi come l’inappetenza, la cefalea del dopopranzo, i bruciore di stomaco e i disturbi intestinali si consiglia di massaggiate sull’addome un rimedio a base di oli essenziali (spesso è proprio la manipolazione a svolgere l’effetto maggiore).

Gli oli essenziali antistress come la lavanda e la melissa possono venire in soccorso quando i disturbi gastrici o intestinali sono legati al nervosismo: la tensione diminuisce la secrezione di succhi gastrici, contrae i muscoli e con ogni probabilità contribuisce all’insorgenza di disturbi come colite, ulcera gastrica e sindrome dell’intestino irritabile.

Tisana per il benessere dell’intestino…

Tisana per il benessere dell’intestino 1 cucchiaio di melissa o lemongrass in foglie 1/2 cucchiaio di fiori di camomilla 1/2 cucchiaio di foglie di menta

Sminuzzate le erbe ponetele in un tegame ed aggiungete l’acqua bollente coprite e lasciate riposare per circa 10 minuti. Filtrate le erbe e bevete la tisana. Ciò che rimane può essere conservato in frigo per circa due giorni.

Tisana Chai 2 cucchiaini di zenzero appena gattugiato 2 bastoncini di cannella della lunghezza di circa 5 cm, spezzettati 1/4 cucchiaino di chiodi di garofano qualche grano di pepe nero 5 baccelli di carcamomo 1/2 Tazza di latte (anche di soia, di riso o mandorle) un pizzico di noce moscata un cucchiaino di miele (facoltativo)

In una casseruola di medie dimensioni mescolate acqua, zenzero, pezzetti di cannella, chiodi di garofano, grani di pepe nero e baccelli di cardamomo. Coprite e lasciate sobbollire per 10 minuti. Aggiungete il latte e lasciate andare a fuoco lento per altri 5 minuti Versate nelle tazze, cospargete di noce moscata o dolcificate con il miele, se volete. Conservate ciò che rimane della bevanda in frigo per non più di due giorni.

A cura di Sonia Tarantola Tratto dal libro: Aromaterapia, Kathi Keville, Apogeo

Referenze

Stare bene con gli aromi

Altre notizie

Una tisana contro il raffreddore

Arabinogalattani del larice contro la tosse

Curare il bebè con l’omeopatia

Altri temi in questa categoria

Newsletter

Se questi temi sono di tuo interesse, se vuoi rimanere in contatto e ricevere tutti gli aggiornamenti sul mondo LifeGate, iscriviti alla newsletter settimanale. Iscriviti ora!

Commenti