Usa, le grandi imprese chiedono a Biden di accelerare sul taglio alle emissioni

I grandi nomi dell’economia americana vogliono dal presidente Joe Biden un taglio alle emissioni più incisivo e coraggioso, già durante questo decennio.

Il presidente americano Joe Biden si è messo sulla buona strada, riportando gli Stati Uniti nell’Accordo di Parigi e ponendo al centro del suo mandato la lotta contro i cambiamenti climatici. Se vuole davvero azzerare le emissioni nette dell’economia a stelle e strisce entro il 2050, però, deve premere sull’acceleratore. Impegnandosi fin d’ora per un taglio alle emissioni pari al 50 per cento nel corso di questo decennio. A lanciare questo appello è una coalizione di 310 grandi imprese e investitori che comprende nomi del calibro di Google, Microsoft, McDonald’s e Pfizer. L’iniziativa è stata organizzata da We Mean Business e Ceres.

microsoft chiede il taglio alle emissioni
Satya Nadella, Ceo di Microsoft, uno dei grandi nomi dell’economia americana che si sono uniti all’appello per il taglio alle emissioni © Sean Gallup/Getty Images

Serve un taglio alle emissioni più incisivo già entro il 2030

Durante il suo mandato Barack Obama si era impegnato per un taglio alle emissioni entro il 2025 pari al 26-28 per cento rispetto ai livelli del 2005. Un target che già era stato ritenuto debole da alcune organizzazioni ambientaliste, ricorda il New York Times, e che è stato poi smantellato dal suo successore Donald Trump. Ora c’è grande attesa per i nuovi obiettivi che verosimilmente Joe Biden annuncerà durante il summit sul clima previsto per il 22 aprile, in occasione della Giornata della Terra.

I 310 firmatari hanno le idee molto chiare in merito: entro il 2030 gli Stati Uniti devono sforbiciare le emissioni di gas serra almeno del 50 per cento rispetto ai livelli del 2005. “Un obiettivo coraggioso per il 2030 è necessario per catalizzare un futuro a zero emissioni, stimolare una solida ripresa economica, creare milioni di posti di lavoro ben retribuiti e far sì che gli Stati Uniti si riprendano al meglio dalla pandemia”, si legge nella lettera aperta. Senza contare che l’amministrazione, spingendosi così avanti, potrebbe dare l’esempio sia agli altri paesi industrializzati sia al settore privato. Già oggi molte grandi aziende si sono impegnate ad azzerare le proprie emissioni nette sulla scia dell’Accordo di Parigi. Se a guidarle ci sarà una strategia ambiziosa stabilita a livello centrale, faranno la loro parte per trasformarla in realtà.

I firmatari della lettera aperta a Joe Biden

L’appello assume una certa rilevanza soprattutto perché a siglarlo sono i dirigenti di oltre trecento imprese che, messe insieme, danno lavoro a circa 6 milioni di cittadini statunitensi e superano i 3mila miliardi di dollari di fatturato. Gli investitori, da parte loro, gestiscono asset pari a oltre mille miliardi di dollari. Scorrendo la lunga lista dei firmatari ci si imbatte in colossi della tecnologia (come Google, Hp, Salesforce, Microsoft), della farmaceutica (Pfizer, Bayer), dell’alimentare (Mars, Kellogg Company, Nestlè), della ristorazione (Starbucks, McDonald’s), della moda (H&M, Gap, Ralph Lauren).

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Whirlpool, guardare lontano puntando al net zero

Zero emissioni nette entro il 2030, zero sprechi e zero rifiuti in discarica. Il colosso degli elettrodomestici spiega come intende raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di sostenibilità.

Articolo sponsorizzato