Acqua

Chi è Eugene Simonov, l’attivista russo che si batte per difendere i fiumi

Preservare i fiumi e la loro biodiversità lungo i confini tra Russia, Cina e Mongolia. È questo l’obiettivo del water defender russo Eugene Simonov.

a cura di Christian Elia

“Tutto ciò che è legato al mondo delle dighe idroelettriche ha due caratteristiche: la corruzione e la disonestà da un lato, e la vanità e il desiderio di dominio dall’altro. Dighe, grandi opere su fiumi e laghi sono, in fondo, grandi festeggiamenti del potere, che riescono a far passare queste operazioni per patriottismo, rendendo nemici tutti coloro che vi si oppongono. Ed è molto difficile per le comunità locali e gli oppositori far sentire la loro voce”.

Eugene Simonov, ambientalista russo, ha letteralmente attraversato un intero continente nella sua vita per contribuire a creare una rete di organizzazioni interessate a difendere i fiumi lungo i confini tra Cina, Russia e Mongolia, dove la costruzione di dighe monumentali minaccia i fragili ecosistemi delle zone umide.

L’impegno del water defender Eugene Simonov

Per fare questo, nel 2009 Simonov ha contribuito a fondare la Rivers without boundaries coalition (RwB), di cui è il coordinatore internazionale, un’organizzazione indipendente che mette in rete la società civile, gli esperti e gli attivisti di Russia, Cina, Mongolia e altri Paesi per difendere i fiumi transfrontalieri dell’Asia settentrionale come risorse naturali scarse e preziose che non dovrebbero essere sprecate solo per la produzione di energia, ma utilizzate per la conservazione e lo sviluppo sostenibile multiforme. I grandi progetti idroelettrici rappresentano la minaccia maggiore, con la biodiversità dell’ecosistema d’acqua dolce che scompare ad un ritmo molto più veloce rispetto ai loro equivalenti terrestri o marini.

L’idea per la RwB è nata da una sconfitta. “Abbiamo lanciato una campagna per impedire la costruzione di un canale sul confine russo-cinese, ma anche se siamo riusciti a raggiungere i più alti livelli di leadership politica, il danno è stato fatto. Questo ci ha insegnato che avevamo bisogno di sviluppare una rete di esperti e volontari, avevamo bisogno di una coalizione, non solo per fare pressione, ma per scambiare informazioni, su tutti i lati del confine, per informare le comunità locali, per raccogliere informazioni che potessero essere usate per essere ascoltate, per produrre dati reali difficili da smantellare. Questo è l’unico modo per lavorare bene, prima che sia troppo tardi, perché bisogna agire quando i progetti sono all’inizio”, racconta Eugene.

discorso di Eugene Simonov
L’obiettivo dell’attivista è difendere i fiumi lungo i confini tra Cina, Russia e Mongolia © Eugene Simonov

Per le sue lotte, Eugene ha vinto il prestigioso Whitley awards nel 2013, riconoscendo i suoi successi. Il bacino del fiume Amur è il più grande sistema fluviale transfrontaliero a flusso libero rimasto in Asia ed è riconosciuto a livello internazionale per l’importanza dei suoi pesci migratori e delle sue zone umide alluvionali. Milioni di uccelli acquatici si riproducono o migrano lungo potenti fiumi con ampie pianure alluvionali sostenute da monsoni, mentre nelle periodiche siccità i pastori seminomadi portano il loro bestiame nelle valli fluviali e sulle rive dei laghi, dove competono per lo spazio con gru e oche. Conosciuto come il fiume del Drago nero in cinese, il fiume Amur ospita anche lo storione e il salmone più grande del mondo (rispettivamente Kaluga e Taimen siberiano).

La costruzione di dighe su larga scala per sostenere l’energia interna e il commercio d’esportazione continua ad essere pianificata dai governi cinese, russo e mongolo, nonostante l’opposizione locale e i danni ambientali che causerà ai fragili ecosistemi. Simonov e i suoi collaboratori continuano a sfidare con successo proposte di investimento mal pianificate e a promuovere il dialogo sulle alternative. “In questo modo, la coalizione del RwB sta unendo i cittadini delle regioni transfrontaliere in un unico movimento, in modo che possano proteggersi meglio e accedere alle migliori conoscenze e tecniche di valutazione disponibili”, si legge nella motivazione del premio. L’Amur non è stato arginato nonostante i numerosi tentativi di varie iniziative idroelettriche sino-russe.

Un obiettivo comune

“Agire sui meccanismi economici è fondamentale”, spiega Simonov, “bisogna avere argomenti inattaccabili per dimostrare quanto sia poco redditizio questo tipo di investimento, dal punto di vista economico e dell’impatto sull’opinione pubblica. Ora il fallimento sistemico dell’energia idroelettrica è più evidente ovunque e cerchiamo di accelerare il declino globale della costruzione di dighe. Oggi il nostro obiettivo sono la Banca asiatica per gli investimenti, la Banca mondiale, la Banca di Cina, la Banca europea per gli investimenti e altri importanti finanziatori di dighe. Per essere forti nel confronto, per avere argomenti difficili da smontare per loro, è necessario mettere insieme ong e comunità locali, agenzie nazionali e internazionali, per convincere alcuni attori a non investire in queste operazioni, che spesso vengono presentate come sviluppo di “elettricità verde”.

discorso attivista Eugene Simonov
Per le sue lotte, Eugene ha vinto il prestigioso Whitley awards © Eugene Simonov

C’è sempre un prezzo da pagare per l’attivismo. “Non posso tornare in Mongolia fino al 2024, sono stato bandito dal governo e il motivo è un segreto di stato”, dice Simonov. “Ho sostenuto le grandi e coraggiose battaglie dell’Unione mongola dei movimenti dei fiumi e dei laghi, che ha combattuto contro l’estrazione mineraria nelle valli fluviali. I militanti di questo movimento hanno pagato un prezzo alto per le loro battaglie – alcuni di loro si sono fatti vent’anni di carcere – ma la Legge mongola per la protezione dei fiumi, delle foreste e delle sorgenti, per la quale si sono mobilitati, è stata promulgata e nonostante la feroce opposizione dei minatori continua a proteggere i principali fiumi liberi della Mongolia. Anche se in Russia lottiamo continuamente contro l’estrazione dell’oro nei fiumi, non abbiamo ancora una legislazione nazionale simile sulla protezione dei fiumi, che deve essere decisa a livello nazionale. A livello locale abbiamo un team specializzato che controlla le violazioni dei minatori ogni giorno”, dice Eugene.

Le battaglie in corso

Oggi le battaglie di Eugene sono molte. L’iniziativa cinese Belt and road initiative (Bri) è il più grande progetto infrastrutturale mai intrapreso con implicazioni per l’alterazione massiccia dei fiumi alla scala dei bacini transfrontalieri. La Bri rappresenta un’opportunità per lo sviluppo internazionale ed è essenziale che venga realizzata in modo ecocompatibile. Poiché le politiche del Bri sono in fase di formazione, questo è il momento critico per sostenere lo sviluppo sostenibile ed è il momento in cui, secondo la filosofia e l’esperienza di Simonov, è necessario intraprendere azioni preventive per prevenire i danni, come ha spiegato anche nel suo discorso al Congresso mondiale dell’energia idroelettrica, a Parigi, nel 2019.

attivista Eugene Simonov
Eugene Simonov, l’attivista russo che si batte per difendere i fiumi © Eugene Simonov

“Al momento sono molto concentrato sulla protezione del lago Bajkal, con le sue 2mila specie endemiche che sono la culla della biodiversità, ma che non hanno ancora un adeguato regime di protezione ambientale. Le nostre ong sono le principali guardiane del lago dall’invasione di chi inquina, dall’accaparramento di terreni sulla costa e da altre devastazioni. Mettiamo in contatto gli attivisti locali con l’Unesco e altre agenzie internazionali che sovrintendono alla protezione del lago.”

Il futuro nelle energie rinnovabili

Tuttavia, le speranze di cambiamento di Eugene sono focalizzate sulla campagna globale Rivers4Recovery, che detta un’agenda chiara, coinvolgendo 360 organizzazioni in oltre ottanta paesi, con un’agenda molto chiara e ambiziosa, come recita il manifesto: mettere una moratoria sulle nuove dighe idroelettriche, aumentare gli investimenti nelle energie rinnovabili non idroelettriche, aumentare l’efficienza dell’energia idroelettrica esistente invece di costruire nuove dighe, avviare nuovi piani energetici che diano priorità allo sviluppo energetico distribuito e su piccola scala e agli sforzi di adattamento basati sulla natura, salvaguardare le aree protette, i fiumi che scorrono liberi e i territori indigeni.

“Stiamo vivendo un momento importante, tra il cambiamento climatico e l’emergenza Coronavirus. Gli equilibri globali stanno per essere ridisegnati e dobbiamo agire per incidere positivamente su un cambiamento in un momento di transizione, agendo sulle realtà locali, coinvolgendo le comunità, ma sviluppando una strategia globale di standard ecologici di sostenibilità per guidare un modello di sviluppo diverso da quello che abbiamo vissuto negli ultimi decenni”, conclude Simonov.


Water Defenders è un progetto di Water Grabbing Observatory per il decimo anniversario del riconoscimento del diritto umano all’acqua. Una serie di interviste da tutto il mondo racconteranno battaglie civili dal basso in difesa dell’acqua. Una lotta intesa sotto tutti i punti di vista, contro l’accaparramento delle risorse e contro le grandi e piccole opere che impattano sulle comunità e sul patrimonio naturale. Una galleria di persone comuni, uomini e donne, che in tutto il mondo difendono un diritto fondamentale. A partire dal 22 marzo, Giornata mondiale dell’acqua, ogni mese Water Grabbing Observatory racconterà su LifeGate la storia di un personaggio che si è speso per tutelare la risorsa più preziosa che abbiamo. Per ribadire il valore del diritto all’acqua.

Articoli correlati
Acqua, ecco il giusto prezzo da pagare

L’acqua è un bene collettivo prezioso, da preservare e valorizzare. Nella giornata mondiale dell’acqua scopriamo qual è il suo costo in Italia e non solo.