Aceto dei quattro ladri

La leggenda dell’aceto dei quattro ladri, già dal ‘600 usato per prevenire le malattie infettive grazie alle sue proprietà antisettiche e antibiotiche.

La leggenda narra che durante la terribile peste che colpì Tolosa nel 1630, quattro ladri, non tenendo conto del rischio di contagio, entravano nelle case degli appestati, moribondi o morti per depredare le loro ricchezze. Arrestati furono condannati all’impiccagione.

Un giudice intelligente e curioso si era però chiesto come facevano a non essersi contagiati, nessuno dei quattro. Li interrogò promettendo loro la grazia se avessero rivelato l’interessante segreto. I ladri risposero che due volte al giorno si bagnavano i polsi e le tempie con un macerato di varie erbe, tra cui salvia, rosmarino, timo e lavanda, che da quel giorno prese il nome di aceto dei quattro ladri.

Da allora si cominciò a produrre in tutta la Francia un aceto balsamico con i suddetti ingredienti, detto “aceto dei quattro ladroni”, che, si diceva, proteggesse dalle malattie infettive.

aceto di mele
L’aceto dei quattro ladri consiste in un macerato di varie erbe e aceto © Ingimage

Come preparare l’aceto dei quattro ladri

La ricetta, elaborata poi con l’aggiunta di altri ingredienti dall’erborista Ermanno Valli è la seguente: mettere in un vaso un cucchiaio di foglie di salvia triturate; un cucchiaio di foglie di rosmarino triturate; un cucchiaio di foglie di timo o serpillo (timo selvatico) triturate; un cucchiaio di foglie di fiori di lavanda triturati; uno spicchio d’aglio schiacciato. Queste erano le erbe usate già nel ‘600.

Si possono aggiungere:

  • un cucchiaio di foglie di noce triturate
  • un cucchiaio di foglie di alloro triturate
  • un cucchiaio di chiodi di garofano schiacciati
  • una stecca di cannella schiacciata
  • un cucchiaio di lichene islandico triturato
  • un cucchiaio di ginepro (ramoscelli e bacche) triturato

Si ricopre il tutto con 1 litro di buon aceto bianco o rosso, si macera per sette giorni e infine si filtra.

Questo aceto ha proprietà antisettiche, da solo contiene sette proprietà di antibiotici. Se preparato a freddo può essere conservato a lungo. È utile per prevenire le malattie virali ed epidermiche (due gocce ai polsi e alle tempie mattino e sera come i famosi ladri). Nel caso di malattia si può assumere un cucchiaino di aceto diluito in acqua 3 volte al giorno. Sono indicati anche i pediluvi diluendo un bicchiere di aceto antisettico in due litri d’acqua.

 

Articoli correlati