Abbronzatura e cibo, come stimolare la melanina a tavola per una tintarella perfetta

In vista delle vacanze estive, ecco alcuni consigli pratici per conoscere e scegliere al meglio i cibi amici dell’abbronzatura.

Quando ci si espone lungamente al sole durante l’estate, la pelle può danneggiarsi. Soprattutto nelle ore più calde le radiazioni solari possono accelerare i processi di invecchiamento della pelle, perché provocano la formazione dei temuti radicali liberi.

abbronzatura e melanina, cibo
La pelle perde liquidi troppo rapidamente con la sudorazione e senza un’adeguata idratazione perde turgore e appare ruvida e secca

Anche il caldo e l’afa non aiutano: la pelle perde liquidi troppo rapidamente con la sudorazione e senza un’adeguata idratazione perde turgore e appare ruvida e secca. In parole povere, troppo sole fa venire le rughe, come testimoniano i visi un po’ “incartapecoriti” dei fanatici dell’abbronzatura.

Leggi anche: Creme solari, le migliori per la nostra pelle. Per stare al sole in tranquillità

Molti alimenti però aiutano la pelle a prepararsi all’esposizione al sole, favorendo la sintesi di melanina, il pigmento scuro che dona l’abbronzatura e che in effetti protegge la pelle dall’eccesso di radiazioni. È il caso ad esempio dei cibi di colore arancione (tipo la zucca), ricchi di betacarotene, che abbonda particolarmente nelle carote, ma non viene adeguatamente assimilato dal nostro organismo, se non consumiamo contemporaneamente anche qualcosa di grasso. Ecco perché è buona norma condire l’insalata di carote con olio di oliva, oppure aggiungere delle noci o altri semi oleosi.

carote-e-noci
Carota grattuggiata per un’abbronzatura perfetta

Per fare una “cura di carote”, un sistema facile e privo di rischi è quello di bere tutti i giorni mezzo bicchiere di centrifugato fresco condito con un cucchiaino di olio extravergine di oliva, cominciando almeno un mese prima di partire per le vacanze.

Altri cibi possono invece prevenire l’invecchiamento cutaneo

Si tratta di alimenti ricchi di sostanze antiossidanti, come la vitamina C, la vitamina E e i flavonoidi. Per quanto riguarda la vitamina C, le fonti migliori sono la frutta e la verdura, che vanno consumate fresche e crude: questa vitamina è molto sensibile al tempo e al calore.

frutta, verdura, idratazione, estate
La frutta e la verdura sono indispensabili per idratarsi d’estate

Per scegliere i vegetali più ricchi di principi attivi puntate su quelli molto colorati: arancione, giallo, rosso, viola, verde intenso indicano generalmente una presenza di antiossidanti naturali.

frutti rossi, cibi arancioni
Anche il colore arancione e rosso fanno intuire quando si tratta di un frutto che fa bene alla pelle e alla tintarella

Come buone fonti di vitamina E vi consigliamo gli oli vegetali spremuti a freddo, usati esclusivamente a crudo, e l’avocado, vera “miniera” di grassi antiossidanti e cardioprotettivi.

avocado, grassi antiossidanti
L’avocado è una vera miniera di grassi antiossidanti e cardioprotettivi

Il toccasana? Una coloratissima insalatona di verdure (pomodori, peperoni rossi, broccoletti, carote, cavolo cappuccio rosso) guarnita con fettine di avocado e condita con una salsa a base di limone, olio extravergine di oliva, sale marino integrale e pepe verde (ricco di flavonoidi).

insalata con verdure, estate, abbronzatura, tintarella
Per l’abbronzatura perfetta, un’insalata ricca di verdure è quello che ci vuole

Per ristabilire l’equilibrio idro-salino è necessario fornire all’organismo acqua e sali minerali: perfetti i centrifugati e gli estratti di verdura e di frutta, i frullati, ma anche i più gustosi sorbetti, magari preparati usando miele o zucchero integrale (ricchi di sali e oligoelementi) al posto di quello bianco.

centrifugato, sorbetto, anguria
Un centrifugato di anguria

Ma va altrettanto bene il tè verde freddo. Con la sua preziosa concentrazione di minerali e di catechine antiossidanti, è la bevanda perfetta per l’estate. Vi consigliamo di prepararlo in casa, aromatizzandolo con pesche gialle affettate o con foglie di menta fresca, e dolcificando a piacere con miele vergine di acacia. Si conserva due o tre giorni in frigorifero.

tè verde alla menta
Tè verde: tutto su proprietà, benefici, controindicazioni, preparazione e forme di uso
Articoli correlati