Macrobiotica: significato, cosa mangiare e controindicazioni

La dieta macrobiotica prende spunto dall’oriente e propone un consumo equilibrato di cibi naturali. Cereali, vegetali e legumi sono le basi di questa dieta.

di Loredana Filippi

Perché si chiama macrobiotica

Macrobiotica è una parola, derivata dal greco, che significa letteralmente “grande vita”. Si esprime in una vera e propria “arte di vivere”, e fonda il suo nucleo principale nell’alimentazione. In generale ripone nella comprensione degli equilibri della natura il segreto del benessere psicofisico dell’individuo.

Alimentazione macrobiotica: cosa mangiare

macrobiotica cibo naturale equilibrato
Per la macrobiotica non basta che un cibo sia “naturale”: deve essere soprattutto equilibrato. ©Ingimage

Sulla base del pensiero taoista che vede il mondo cibo governato da due forze opposte e complementari (yin e yang), si considera la salute come espressione dell’armonia della giusta combinazione di queste due energie. Nel caso dell’alimentazione, si realizza nel corretto utilizzo degli alimenti yin e degli alimenti yang. Secondo la visione occidentale, questa divisione corrisponde al rapporto acido/alcalino: yin = acidità (potassio, zucchero, frutta) e yang = alcalinità (sodio, sale, cereali, ecc.).

Proprio perché individua nella natura il suo modello, la macrobiotica predilige i cibi naturali e le preparazioni semplici: cereali, vegetali e legumi in primo luogo, ma anche uova e pesce, purché in misura equilibrata rispetto alle reali esigenze dell’organismo.

L’utilizzo equilibrato in cucina naturale di alcuni degli ingredienti tipici della cucina macrobiotica è davvero prezioso, perché permette di sostituire egregiamente la carne (tofu o seitan con legumi ad esempio) e di insaporire o apportare oligoelementi (con shoyu, tamari, o alghe). Dobbiamo anche ricordare che l’armonia fra gli opposti ha caratterizzato molte delle tradizioni gastronomiche anche del nostro Paese, in modo semplice e gustoso e, per l’osservatore attento, mai casuale.

Cosa non mangiare quando si segue una dieta macrobiotica

 La macrobiotica sconsiglia in generale il consumo abbondante di frutta fresca e l'ingestione di elevate quantità di acqua (considerate eccessivamente yin). ©Pixabay
La macrobiotica sconsiglia in generale il consumo abbondante di frutta fresca e l’ingestione di elevate quantità di acqua (considerate eccessivamente yin). ©Pixabay

Per quanto riguarda le altre proteine animali è tollerato il consumo saltuario di carne bianca, ma è sconsigliato il consumo di latte e i latticini, ritenuti causa di diverse patologie per l’organismo. Zucchero raffinato e le verdure contenenti solanina (pomodori, melanzane, peperoni) sono messi al bando.

Le controidicazioni della dieta macrobiotica

brasile soia
Il consumo abbondante di cibi provenienti dall’altra parte del mondo stride con il consiglio che la macrobiotica stessa fa di consumare alimenti autoctoni perché “su misura” per le esigenze dell’organismo. © REUTERS/Marcos Brindicci

Da un punto di vista critico, occorre sottolineare che ne potrebbe conseguire il rischio di incorrere in una carenza di vitamine e sali minerali e nell’accumulo di tossine nell’organismo a causa del ridotto apporto di acqua. Il consumo di prodotti fermentati, caratteristico di questa cucina e presente anche nella cucina giapponese (miso, umeboshi, tamari e così via ), ricchi di enzimi utili alla digestione e all’ottimizzazione del rapporto acido/alcalino nel sangue, rappresenta una caratteristica interessante di questa dieta ma comporta anche il rischio di una eccessiva assunzione di sale. Il popolo giapponese registra un alto numero di tumori allo stomaco che gli studiosi attribuiscono proprio all’eccessivo consumo di alimenti salati.

Articoli correlati
Antonio Chiodi Latini. La mia è un’alta cucina vegetale

La parola chef non lo rappresenta, così ha deciso di definirsi cuoco delle terre. È Antonio Chiodi Latini, il suo ristorante si trova a Torino. Un progetto di cucina vegetale e creativa frutto di uno studio molto importante sulle verdure, con tecniche e tecnologie di altissimo livello. “Ho pensato che la strada per il futuro