Cucina indiana, spezie e sapori in equilibrio

Stimolante, saporita e colorata, la cucina indiana si ispira all’Ayurveda. Una tradizione che ha lo scopo mantenere la salute, nutrendo il corpo e l’anima.

Cos’è la cucina indiana

Parlare di una sola cucina in un Paese così vasto è impossibile: la miriade di regioni, dialetti, culture, i mille credo religiosi hanno determinato e influenzato lo sviluppo di gastronomie diverse fra loro, facendo dell’India un luogo dove è difficile individuare un piatto nazionale. Tra le specialità, il dal, composto da lenticchie e verdure, che si accompagna al riso o al chapati; i curry, ovvero i piatti in salsa, di cui esistono versioni con pollo, montone, pesce e verdure; i tandoori di carne o pesce macerati nello yogurt; il paneer, formaggio fresco da abbinare alle verdure e infine, per una colazione all’indiana, il dosai, una sorta di crepe di farina di lenticchie e di riso.

 La cucina indiana e alimentazione ayurvedica

Tra le più antiche e complete forme di medicina, l’ Ayurveda include una teoria della nutrizione basata sui sei sapori fondamentali e calibrata su diversi temperamenti individuali. I sei sapori contemplati sono dolce, agrodolce, salato, amaro, piccante e astringente; i tre tipi di costituzione (dosha) sono Vata, Pitta e Kapha (o una combinazione tra loro), generati dagli elementi naturali terra, acqua, fuoco, aria ed etere. Ogni indiano, definisce la propria alimentazione in funzione del proprio tipo di costituzione: a seconda del tipo di dosha dominante vengono suggeriti cibi e spezie capaci di donare equilibrio.

Tre gruppi per le ricette di piatti tipici indiani

cucina-indiana-ricette
La cucina indiana è un vero e proprio arcobaleno di colori. ©Ingimage

La tradizione indiana divide i cibi in tre gruppi: cereali integrali, riso, noci, germogli, frutta, verdura fresca e miele, che danno slancio alle capacità migliori e alle facoltà più elevate, non appesantiscono il corpo e lo tengono in forma; cereali, formaggi freschi, latticini, legumi, dolci, cioccolato e zuccheri che arricchiscono di energie, aumentano le forze, la passione, e rendono dinamici; carne, pesce, uova, alcol, funghi, cipolle e aglio che invece appesantiscono, offuscano la chiarezza mentale e rendono meno sensibili.

Leggi anche: Garam masala dalla tradizione indù

Differenze nella gastronomia indiana

Il tandoor è un forno di argilla a forma di grosso barile. Viene usato per cuocere numerosi piatti. ©Ingimage
Il tandoor è un forno di argilla a forma di grosso barile. Viene usato per cuocere numerosi piatti. ©Ingimage

Per semplicità, i testi di cucina indiana distinguono tra gastronomia del Nord e del Sud, due cucine raffinate e artistiche, permeate da riti sociali e religiosi. Spezie, tè e riso sono tra i cibi più usati ovunque e accompagnano sia i piatti vegetariani sia quelli con carne. Nell’India settentrionale la dieta è prevalentemente non vegetariana. È molto amata la cottura al ghee, il burro chiarificato. Si utilizzano tanti tipi di pane al posto del riso, e la cottura preferita per le carni è quella alla griglia. Le salse sono poco amate, mentre lo yogurt è molto consumato e utilizzato anche per attenuare l’eccessiva piccantezza di alcune ricette. Nel Nord, a Delhi, è nato il famoso tandoori, molto apprezzato dai palati occidentali. Tandoori è il nome dato ai cibi cotti nel tandoor.

La cucina indiana vegetariana

Il tandoori roti è un piatto tipico indiano. Si tratta di una "piadina" cotta in un fondo tandoor. ©Ingimage
Il tandoori roti è un piatto tipico indiano. Si tratta di una “piadina” cotta in un fondo tandoor. ©Ingimage

La cucina vegetariana caratterizza l’India meridionale. A base di riso e verdure, qui i piatti sono molto piccanti e speziati, in un’esplosione di colori. La gastronomia vegetariana può essere stretta, cioè senza carne, pesce e uova (praticata da jainisti, bramini e alcuni seguaci di Vishnu) o allargata (privata solo di alcuni tipi di carne e pesce considerati impuri). Di entrambe le varianti esiste una grande varietà di ricette davvero appetitose.

 Le nostre ricette di piatti “tipici” indiani

La vera ricetta del latte d’oro

latte d'oro curcuma
Il latte d’oro è una bevanda a base di curcuma dalle mille proprietà benefiche © http://www.savorylotus.com

Biryani vegetariano: ingredienti e preparazione

biryani-vegetariano
Il biryani vegetariano è un piatto tipicamente indiano. Per la preparazione di questo piatto si deve usare riso della varietà basmati. ©Ingimage

Riso basmati al limone

riso basmati al limone
Il riso basmati è originario dell’India,. Ecco un ricetta facile e veloce per preparare il riso basmati al limone. ©https://avocadopesto.files.wordpress.com/

Sabji di patate e cipolle

Il sabji è da gustare con chapati (tortini di pasta di farina, burro e sale dorati) e puri (pani di farina fritti).

Riso basmati con zafferano e zenzero

Gajar vada (crocchette di carote speziate)

Gajar vada è un piatto tipico indiano. Queste crocchette di carote speziate sono da servire insieme a una salsa a base yogurt o a delle verdure cotte.

Articoli correlati